Benvenuti nel Sito Ufficiale

dell'Arcidiocesi di Palermo sul

Beato Padre Pino Puglisi

Beato Giuseppe Puglisi

nel XXV Anniversario del Martirio del

Papa Francesco

Visita pastorale di

15 settembre 2018

Beato Padre Pino Puglisi

In evidenza

Nasce il Centro Diocesano Padre Pino Puglisi Martire ucciso dalla mafia

/
Sabato 13 novembre, al termine di un lungo e condiviso lavoro, S.E. don Corrado Lorefice, alla presenza di alcuni rappresentanti del gruppo che in questi anni vi ha lavorato, ha consegnato a Mons. Di Cristina lo Statuto approvato del nuovo Centro Diocesano “Padre Pino Puglisi Martire ucciso dalla mafia”.

I martiri di oggi, testimoni per i giovani

/
Intervista all'Arcivescovo Lorefice sull'esempio dei martiri per i giovani d'oggi

A Godrano un centro di spiritualità in ricordo di Padre Puglisi

A Godrano nella Riserva Naturale di Bosco icuzza, grazie all'intervento di Biagio Conte, nasce un centro di spiritualità in ricordo di Padre Pino Puglisi.

Presentazione dell’audiolibro “Me l’aspettavo” su testi di Pino Puglisi

/
Presentazione dell'audiolibro "Me l'aspettavo" Lunedì 5 ottobre 2020 - ore 12 c/o la Caritas italiana

Manifestazioni nel XXVII anniversario del martirio del Beato don Giuseppe Puglisi

/
Programma delmanifestazioni in occasione del XXVII anniversario del martirio del Beato don Giuseppe Puglisi

60° anniversario dell’ordinazione presbiterale del Beato Giuseppe Puglisi

/
Il 2 luglio 1960 nel Santuario della Madonna dei Rimedi, il Cardinale Ernesto Ruffini imponeva le mani sul capo di Pino Puglisi ordinandolo sacerdote.

Hanno scritto su 3P

25 anni di te…il dono di don Pino Puglisi

/
Una riflessione di Maurilio Assenza sul XXV del martirio di Padre Pino Puglisi

Dialogo immaginario tra Rosalia (la Santa) e Pino (il Beato)

/
In occasione della festa di Santa Rosalia, patrona di Palermo, Francesca Picciurro ha composto questo dialogo in siciliano immaginario tra Santa Rosalia e il Beato Puglisi

Puglisi, un santino?

/
...scrivo ora, e scrivo con un certa tristezza, perché avvicinandosi la venuta del papa non vorrei che passasse come icona ufficiale una immagine di Puglisi trasformato in un “santino” di devozione. Era quello che non volevamo quando è iniziata la causa del riconoscimento del martirio. Si temeva che questo prete del coraggio quotidiano venisse separato dagli altri uomini uccisi dalla mafia i quali consapevolmente avevano sacrificato la loro vita per gli altri.

Hanno scritto su 3P

In questa sezione sono raccolti i numerosi saggi, scritti, riflessioni che sono state fatte su Padre Pino Puglisi

P. Puglisi e la gioia di gridare «Abbà, Padre»

/
di Maria Lo Presti Mentre ci avviciniamo alla celebrazione del venticinquesimo del martirio di p. Puglisi (15 settembre 2018), vogliamo mettere in evidenza l’amore per la Parola di Dio, che sapeva trasmettere. Lo faremo partendo dall’itinerario da lui proposto ai giovani per gli incontri di preghiera dell’anno 1986-87, centrato sul Padre nostro. Ognuno dei sei incontri mensili (da novembre ad aprile) era centrato su una parola o invocazione della prima parte del Padre nostro (Padre; Nostro; Che sei nei cieli; Sia santificato il Tuo Nome; Venga il Tuo Regno; Sia fatta la Tua Volontà).

Lorefice: Puglisi compagno di viaggio della nostra Chiesa

/
Meditare sulla Evangelii Gaudium del Papa e rileggerla alla luce dell'insegnamento di padre Pino Puglisi: con questo tema la Chiesa di Palermo si è riunita e ha messo all'ordine del giorno la presenza del Beato e la fecondità del suo insegnamento.

Paola Geraci: ecco perché padre Puglisi era per Cristo a tempo pieno

/
P. Puglisi ha testimoniato che la paura di fare scelte coraggiose si può vincere solo fidandosi di Uno che può portare a dire sì, senza riserve, rispondendo alla chiamata che questo Uno-Amore fa sentire.

Don Pino Puglisi: lampada che risplende

/
di Carmelo Cuttitta, Vescovo ausiliare di Palermo. Un vero discepolo è come una lampada posta sul candelabro, ci ricorda l’evangelista Matteo. Vogliamo guardare ora ad una lampada che, posta sul candelabro, ha fatto luce nella casa, anzi nella Chiesa di Palermo, in terra di Sicilia e nella stessa Italia: don Pino Puglisi.

Giuseppe Puglisi L’azione pastorale informata dalla Parola

/
di don Mario Torcivia Il beato Giuseppe Puglisi è appartenuto a quella schiera di presbiteri che, pur formati e ordinati prima del Concilio Vaticano II, hanno preso sul serio le indicazione conciliari e hanno impostato la loro vita e il loro ministero seguendo e mettendo in pratica le suddette indicazioni. Tra queste, una delle più importanti è, senza dubbio, quella riguardante la centralità della Parola di Dio nella vita della Chiesa (cf. Dei Verbum)... ... P. Puglisi, un vero innamorato della Parola

Pino Puglisi: uno che ha saldato cielo e terra

/
di don Luigi Ciotti
Una spina nel fianco per una Chiesa chiamata più che mai, nell'attuale crisi mondiale, a saldare il Cielo e la Terra, la dimensione spirituale con l'impegno per la giustizia sociale.

La beatificazione di don Puglisi: una definitiva presa di distanza?

/
di Umberto Santino (“Nuova Busambra-Settembre 2013) Secondo un giudizio ampiamente condiviso la beatificazione di don Pino Puglisi del 25 maggio 2013 e le parole di papa Francesco nell’Angelus del giorno dopo, segnano una svolta nella storia dei rapporti tra mafie e chiesa cattolica o l’approdo di un lungo percorso, comunque un punto di non ritorno, una definitiva presa di distanza, una radicale alternativa tra vangelo e sentire e pratica mafiosi.

Padre Puglisi e don Bosco, due educatori a confronto

/
Due esempi di educatori che hanno saputo parlare al cuore dei giovani.

Don Pino Puglisi, che sorrise al suo assassino

/
di Giancarlo Caselli
Guai se la sua beatificazione, invece di essere una piattaforma di rilancio dell’impegno comune, diventasse un comodo lavacro delle coscienze che faccia dimenticare le responsabilità di chi – ieri come oggi – lascia soli coloro che si impegnano.

Ucciso in odium fidei

/
di Giovanni Bonanno
E' il primo martire della mafia. Lui elevato dalla chiesa agli onori dell’altare. La mafia condannata dalla chiesa all’abominio per ateismo sanguinario. (di Giovanni Bonanno)

Messaggio dei Vescovi di Sicilia a Noto (23 aprile 2013)

/
Le sue parole e soprattutto l’esemplarità della sua vita siano per tutti noi, uomini e donne di Sicilia, credenti o persone di buona volontà, uno stimolo per un rinnovato impegno sociale, civile e spirituale: “Non possiamo mai considerarci seduti al capolinea, già arrivati - scriveva ancora don Pino -. Si riparte ogni volta. Dobbiamo avere umiltà, coscienza di avere accolto l’invito del Signore, camminare, poi presentare quanto è stato costruito per poter dire: sì, ho fatto del mio meglio. Le nostre iniziative e quelle dei volontari devono essere un segno. Un segno per fornire altri modelli, soprattutto ai giovani. Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto. . . ”.

Diceva 3P

Dove vogliamo che vada la nostra vita

/
Verso dove vogliamo che vada la nostra vita? A che serve, se sbagliamo direzione? Venti, sessanta, cento anni, la vita ...Ciò che importa è incontrare Cristo, vivere come lui, annunciare il suo amore che salva. Portare speranza e non dimenticare che tutti, ciascuno al proprio posto, anche pagando di persona, siamo i costruttori di un mondo nuovo

Relazione «Dio mi affida una missione d’amore» I Parte

/
Relazione tenuta al Campo Vocazionale Giovani per il movimento “Presenza del Vangelo” Dio, infinito, immenso, Colui che ha dato origine a questo universo incommensurabile ama questo granello di polvere che è l'uomo ed ama ciascun uomo e, potremmo dire, lo chiama per nome, cioè lo conosce in profondità e lo ama, lo ama donandogli tutto ciò che è necessario perché possa raggiungere gioia, felicità, equilibrio, pace; lo ha dotato di quelle facoltà naturali che possono condurlo all'equilibrio, alla pace.

Temi da trattare durante un incontro di esperienza di riflessione vocazionale

/
Il documento in analisi è costituito da sette punti in ognuno dei quali il servo di Dio si pone dei quesiti.Per esempio, il dialogo con il Signore, la preghiera come mezzo per comunicare con Dio, la meditazione, la vocazione della chiesa, la riflessione sul popolo sacerdotale ed il sacrificio. Si evidenzia come il cammino percorso dal servo di Dio sia ricco di interrogativi al solo fine di attuare al meglio la volontà di Dio, anche attraverso un cosciente svolgimento delle proprie funzioni.

Appunti da un Convegno sulla formazione pastorale

/
Si tratta di un insieme di appunti–guida in cui il servo di Dio sintetizza, concetti utili per la formazione impartita al seminario. Padre Puglisi indica alcuni elementi per l’educazione dei sacerdoti che diventano testimoni di fede nella consapevolezza della loro identità ontologica ed operativa. Tra gli appunti è inclusa anche la bozza di una lettera (l’originale è allegata tra le testimonianze), che il servo di Dio scrive in risposta ad una donna chiamata affettuosamente “figliola”: è vicino alla sua pena ed offre preghiere e sacrifici in un incessante invito ad ancorarsi ai principi di fede, veri consolatori ed apportatori di pace e serenità. (Alcuni fogli sono su carta intestata dell’Istituto Roosevelt)

Omelie di 3P

Omelie tenute dal Beato don Giuseppe Puglisi

Lettere di 3P

Lettere scritte dal Beato don Giuseppe Puglisi

Ricordi e Testimonianze

Una giornata al Centro Parrocchiale di Accoglienza “Padre Nostro”

Una giornata al Centro Parrocchiale di Accoglienza "Padre Nostro"

P. Puglisi sacerdote e amico al servizio degli ultimi

Alcune preziose testimonianze su uno dei servizi svolti da p. Puglisi, presso la Casa dell’Accoglienza delle Assistenti Sociali Missionarie e che riguardava l’ospitalità delle madri nubili, donne in svariate e gravi difficoltà: 3P, dall’Aprile 1989, rendeva il suo servizio sacerdotale, "con vicinanza fraterna e sincera".

Don Pino Puglisi, testimone coraggioso e fedele del Vangelo

Intervista a Giuseppe Di Carlo, nativo di Godrano : “Sono tanti i segni che ci ha lasciato: la schiettezza, il non fare compromessi a qualsiasi livello (e per questo lo hanno ammazzato), diceva che le cose di Dio non si possono barattare. ”

Io, suor Carolina Iavazzo, testimone dell’eredità di don Pino come stile di vita

/
«Io, suor Carolina Iavazzo, testimone dell’eredità di don Pino come stile di vita»( Suor Carolina ha lavorato per tre anni a fianco di don Pino Puglisi nel quartiere Brancaccio e nel centro da lui fondato. Ora vive e lavora presso il centro “don Puglisi” di Bovalino, in provincia di Reggio Calabria) La storia degli ultimi anni di Puglisi è intrecciata con quella dei volti dei ragazzi e delle ragazze che hanno percorso le stesse strade del parroco di Brancaccio e che, in fondo al cuore, avevano ed hanno la stessa speranza e gli stessi desideri che inseguiva don Pino.

Don Pisciotta: Quando nel ’65 l’amico Pino venne all’improvviso alla mia laurea…

/
Don Pino era sempre dolcissimo, attento, studioso e sempre sollecito nell'aiutare tutti i ragazzi

3P il tuo ultimo appuntamento di G.B. Mura

/
La sera del 15 settembre io e Maria Teresa avevamo appuntamento speciale con 3P... desideravamo festeggiare il suo compleanno con qualcosa che gradiva sempre e molto: la pizza. Ne era ghiotto ... ma arrivato davanti il portone di casa ... ci siamo precipitati al pronto soccorso dove mi sono qualificato come medico ... ora guardo la tua cintura vecchia e lisa… i tuoi pantaloni logori… sempre il solito essenziale ... Tutti i tuoi soldi sono sempre stati per il Centro Padre Nostro... per il prossimo, i ragazzi, i poveri, i diseredati del tuo quartiere che non hanno che te e il tuo grande amore per l’uomo e la giustizia ...

Iniziative e Manifestazioni

Nasce il Centro Diocesano Padre Pino Puglisi Martire ucciso dalla mafia

/
Sabato 13 novembre, al termine di un lungo e condiviso lavoro, S.E. don Corrado Lorefice, alla presenza di alcuni rappresentanti del gruppo che in questi anni vi ha lavorato, ha consegnato a Mons. Di Cristina lo Statuto approvato del nuovo Centro Diocesano “Padre Pino Puglisi Martire ucciso dalla mafia”.

A Godrano un centro di spiritualità in ricordo di Padre Puglisi

A Godrano nella Riserva Naturale di Bosco icuzza, grazie all'intervento di Biagio Conte, nasce un centro di spiritualità in ricordo di Padre Pino Puglisi.

Presentazione dell’audiolibro “Me l’aspettavo” su testi di Pino Puglisi

/
Presentazione dell'audiolibro "Me l'aspettavo" Lunedì 5 ottobre 2020 - ore 12 c/o la Caritas italiana

Manifestazioni nel XXVII anniversario del martirio del Beato don Giuseppe Puglisi

/
Programma delmanifestazioni in occasione del XXVII anniversario del martirio del Beato don Giuseppe Puglisi

Media

Siamo Noi – Don Pino Puglisi, Giovanni Falcone: la mafia non li ha sconfitti

/
Alla Trasmissione di TV2000 "Siamo Noi" viene ricordato don Pino Puglisi e Giovanni Falcone. In studio don Corrado Lorefice e Enrico Bellavia.

Papa Francesco e i giovani – 30ª puntata

/
Un minuto dell'incontro di Papa Francesco con i giovani a Piazza Politeama a Palermo in occasione del XXV del martirio di padre Pino Puglisi.

Papa Francesco e i giovani – 29ª puntata

/
Un minuto dell'incontro di Papa Francesco con i giovani a Piazza Politeama a Palermo in occasione del XXV del martirio di padre Pino Puglisi.

Papa Francesco e i giovani – 28ª puntata

/
Un minuto dell'incontro di Papa Francesco con i giovani a Piazza Politeama a Palermo in occasione del XXV del martirio di padre Pino Puglisi.

Papa Francesco e i giovani – 27ª puntata

/
Un minuto dell'incontro di Papa Francesco con i giovani a Piazza Politeama a Palermo in occasione del XXV del martirio di padre Pino Puglisi.

Papa Francesco e i giovani – 25ª puntata

/
Un minuto dell'incontro di Papa Francesco con i giovani a Piazza Politeama a Palermo in occasione del XXV del martirio di padre Pino Puglisi.
© 2018-2022 Copyright - Padre Pino Puglisi - Sito Ufficiale dell'Arcidiocesi di Palermo | Tutti i diritti riservati | Crediti