da “Caino e Abele” – Quasi un recital
di Lia Cerrito

Nascere dallo stesso grembo
non fa amore.
Ci cullarono uguali ginocchia
e, all’alba del mondo:
Madre! insieme chiamammo
guardando un medesimo volto.

Ma nascere dallo stesso grembo
non fa amore.
Che ti scagliò contro di me
che somigliavo a tua madre?

Che tolsi alla tua vita
perché tu distruggessi la mia?
…quella che attinsi alla stessa sorgente
e correva, accanto alla tua,
nuovi ruscelli a foci diverse
riempiendo la terra?
Colpisti con queste tue mani
tessute nell’ ombra allo stesso telaio…

e giacqui nel sangue
che aveva il colore del tuo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

image_pdfimage_print