Didascalia e commento alla
Mostra Vocazione Itinerante

Commento di Don Giuseppe Puglisi ai Seminaristi

Palermo, Palazzo Arcivescovile, 8 gennaio 1984;
testo dattiloscritto, pp. 5, AGP, b. IV, fasc. 4.

La mostra vocazionale è composta da 33 pannelli e porta come titolo un significativo “Sì, ma verso dove?”.
A questo interrogativo Padre Puglisi dà la risposta che «la vita è un cammino», fatto di scelte libere e consapevoli, volte ad un progetto che ci fa tutti «membra di uno stesso corpo».

Cristo, che con il suo amore si è donato agli altri, ora ci chiede di continuare il suo cammino seguendo ciascuno la propria vocazione: il matrimonio, il presbiterato, la vita religiosa, la missione etc.
Mezzo con il quale capire la strada giusta da intraprendere è la preghiera attraverso la quale attuare il progetto di Dio.

In tale modo Padre Puglisi tende ad avvicinare i giovani delle scuole verso un problema molto sentito per la loro fascia d’età quale è il senso della vita, sollevando problematiche e fornendo, allo stesso tempo, validi elementi di aiuto per la sua risoluzione.

Articoli correlati:
La Mostra Vocazionale “Sì, ma verso dove?”
Relazione sulla Mostra del Centro Vocazionale Itinerante


1° Pannello:
Sì, ma verso dove?” è il Titolo della mostra.

Esso è la risposta a questa affermazione: “La vita è un cammino”.

La mostra svolgerà questa tematica secondo la visione cristiana.


4° Pannello:
L’universo è la casa dell’uomo;
egli deve completarla con il suo lavoro intelligente;
ogni uomo deve portare il suo mattone.


3° Pannello:
Guardiamoci intorno,
tutto è in continua evoluzione;
essa è determinata da leggi precise
(nel pannello è rappresentata dai cavalli e dai pesci che vanno tutti verso la stessa direzione); l’uomo invece sceglie in piena libertà il suo cammino.


4° Pannello:   
L’universo è la casa dell’uomo;
egli deve completarla con il suo lavoro intelligente;
ogni uomo deve portare il suo mattone.


5° Pannello:
Nel cosmo solo l’uomo è consapevole e partecipe di tutto il divenire;
noi dobbiamo dare direzione e corso alla nostra vita e alla vita dell’universo.


6° Pannello:
Il mondo è come un mosaico:
ciascuno di noi è una tessera di questo mosaico.
Se manca uno di noi c’è il vuoto, perciò il mondo non si fa senza di te.


7° Pannello:
L’uomo non può fermarsi, non può non divenire;
egli deve tirar fuori le proprie ricchezze e metterle al servizio degli altri;
sviluppare le proprie capacità per una donazione più totale.


8° Pannello:   
Lo scoraggiamento,
il fermarsi può bloccare il cammino di tanti altri
(la cordata).


9° Pannello:   
Il mondo ha bisogno di te e tu hai bisogno degli altri
(mettere in risalto la collaborazione degli uomini per la civile convivenza:
il fornaio per il pane …
),
ognuno deve dare qualcosa.
Ci si può chiedere il motivo di tutto questo e sentirsi divisi accorgendosi che le risposte umane non bastano.


10° Pannello:   
Ed ecco che comincia allora il discorso di fede.
Noi siamo    frutto dell’amore di Dio che ha dato origine al mondo intero.

(E. T.: l’amore che dà la vita, l’extraterrestre che tocca l’amico e lo guarisca dalla malattia).
Questo dà fiducia nel guardare avanti anche se le situazioni sono a volte penose. Dio ha un progetto, una chiamata per ognuno
(Populorum progressio 15)


11° Pannello:
Dio chiama ogni giorno alla vita, chiama all’alleanza, cioè all’amicizia con Lui, come fece con Abramo e Israele, e garantisce la sua fedeltà e la sua presenza.
Dalla tua risposta dipende il presente e il futuro di molti (Gn 17,4-5; Es 3,12)


12° Pannello


13° Pannello


14° Pannello

Pannelli 12 – 13 – 14:
Alcune grandi chiamate della Bibbia:

Abramo (Gn 12,1-4);   Mosè (Es 3,4; Is 6,1-8);   Geremia (Ger 1,7-10; 20,7);   Maria (Lc 1,26-38);   Pietro (Gv 1,41-42;
Mt 4,20);   Paolo (At 9,3-19);   Francesco


15° Pannello:
Cristo è la risposta di Dio all’uomo e dell’uomo a Dio:
un uomo come gli altri: (Lc 2,7, Mc 6,3; Mc 2,15-17; Mt 27,45-50);
un uomo diverso dagli altri: (Gv 10,31-38; Mc 2,7-12; Gv 14,10, Gv 3,17-18);
un uomo con gli altri: (Mc 6,34-44; Mt 8, 1-1 7; Lc 7,11-15, Gv 8,3-11);
un uomo per gli altri: (Gv 15,12-13, Gv 1,29; Mt 26,27-28).
Tutte le vocazioni trovano pienezza in Cristo, Parola incarnata, Profeta e Sacerdote;
Lui è il senso della vita che crea la comunità,
Lui è il modello di riferimento per il nostro comportamento,
perché Lui è un uomo come noi avendo condiviso la nostra condizione.


16° Pannello:
Con quale parola definireste la vita e il comportamento di Gesù?
La risposta è: “Amore”.
Da questo si riconosce il seguace di Cristo.
Questo amore deve però essere:
“Come io vi ho amato”
(Gv 13,35)


17° Pannello:
Come Cristo, ogni uomo è chiamato e mandato da Dio.
Ogni vocazione trova in Lui la sua pienezza.


18° Pannello:
“Come il padre manda me, così anch’io mando voi”:
È Cristo che ci manda per essere continuazione della sua presenza.
Noi siamo Cristo che continua a vivere nella storia in qualsiasi condizione della nostra vita.
(Mettere in risalto la vocazione laicale:
continuare Cristo nel mondo).


19° Pannello:
Nell’unità la diversità:
tutti siamo chiamati a costituire un solo corpo ognuno secondo la sua parte.
Ogni dono fatto al singolo è dato a tutta la comunità
(1 Cor 12).


20° Pannello:
la diversità non fa problema per l’unità:
un corpo è armonioso se ci sono membra diverse.
Il minimo comune multiplo è la Parola di Gesù.


21° Pannello:
Qui abbiamo le varie possibilità di vocazione nella vita ecclesiale:


22° Pannello:
* Gli sposi cristiani esprimono l’amore fecondo di Cristo per la sua Chiesa, non sono più due ma una sola carne.


23° Pannello:
* Il prete, come Cristo, è l’uomo dell’annuncio, del perdono, dell’Eucaristia, animatore dei doni e servizi nella comunità.


24° Pannello:
* I religiosi sono chiamati a per una disponibilità totale a servizio del Regno, nella condivisione dei beni e nella vita fraterna: testimoniano l’assoluto di Dio.


25° Pannello:
* Annunciare il Vangelo è di tutti i cristiani, ma i missionari sono chiamati ad andare in tutto il mondo per evangelizzare le genti.

* I membri degli Istituti Secolari sono laici che uniscono alla consacrazione della vita, secondo i consigli evangelici, la piena responsabilità di una presenza e di un’azione trasformatrice al di dentro del mondo.

* Il diacono permanente ravviva lo spirito di servizio nel popolo di Dio, per rendere più profonda la comunione ecclesiale.

* I diversi ministeri laicali – del popolo di Dio – si fondano sulla grazia dei Battesimo e della Cresima.


26° Pannello:
Tutti pero sono uguali davanti a Dio.
Il ministero è un servizio.


27° Pannello:
Vocazione è una realtà dinamica che si attua progressivamente nel dialogo con Dio e con gli uomini, nella fedeltà e nel servizio.
Questo cammino di fede inizia nel Battesimo e matura nella disponibilità allo Spirito.


28° Pannello:
Che progetto hai nella vita?
– Anche tu sei un chiamato!


29° Pannello:
Che direzione prendere?


30° Pannello:
Chiediamo a Dio cosa vuole che facciamo!


31° Pannello:
Mettersi in questa disponibilità vuol dire: accettare Cristo;
ecco allora l’invito dei Papa:
“Spalancate le porte a Cristo!”.
Come Cristo anche noi dobbiamo dare la vita per amore.


32° Pannello:
Vivere è scegliere;
comincia ad impegnarti senza aspettare dagli altri,
ma dai senza esitazione.


33° Pannello:
La preghiera ci aiuta a comprendere la strada: pregando possiamo inserire le nostre scelte nel piano di Dio.


La visita si conclude nella Cappella (facoltativa) dove si sta qualche minuto in adorazione e si canta un canto adatto «Symbolum 77»


***

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.