Nasce il Centro Diocesano
Padre Pino Puglisi Martire ucciso dalla mafia

Il Centro Diocesano “Padre Pino Puglisi, martire di mafia” è ufficialmente nato dopo un lungo e condiviso lavoro di stesura del suo Statuto.

Sabato 13 Novembre, S.E. Corrado Lorefice, alla presenza di alcuni rappresentanti del gruppo che in questi mesi ha lavorato, ha consegnato lo Statuto approvato al Mons. Salvatore Di Cristina, Vescovo Emerito di Monreale, che lo ha illustrato pubblicamente.

Mons. Di Cristina è stato l’estensore finale del documento e, durante l’incontro, ne ha dato lettura ed ha commentato gli articoli più importanti. Tra questi il numero tre che si può definire il “cuore” delle attività: documentazione, approfondimento culturale e formazione.

Il Vescovo Lorefice ha comunicato che il Centro avrà sede nei luoghi tanto cari a P. Puglisi e teatro, per tanti anni, del suo impegno pastorale: in via Matteo Bonello 6. Al pianterreno, rimarrà l’Archivio documentale in condivisione con il CDV. Il nuovo Centro Diocesano godrà dei locali posti al secondo piano dell’edificio dove saranno a disposizione delle attività diverse aule tutte da abitare dopo verifica di quanto occorre fare per renderle disponibili.

1 commento
  1. Vincenzo Lo Cascio dice:

    Padre Pino, come tanti altri sacerdoti, l’ho vissuto a distanza durante la Sua opera sacerdotale in quel di Brancaccio. Nessuna particolare vicinanza, ma la certezza che qualcuno in quel territorio operava per il bene in nome di Cristo. La notizia della Sua barbara uccisione mi ha trovato spiazzato: non avevo compreso sino a che punto il Suo Amore per il prossimo lo avesse svestito da qualsiasi autodifesa. E così ebbi la fortuna di conoscere ogni Sua opera terrena soltanto quando egli si fece Martire. Ancora una volta il Martirio diventava, ai miei occhi, esemplificazione della strada da percorrere. Ogni giorno mi sveglio e la prima domanda che mi pongo è sempre la stessa: fino a che punto sono disposto ad espormi per il bene dell’altro?…

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.